Area Riservata


Accedi
Registrazione
Richiesta informazioni
  • Totale sessioni attive: 143
  • Utenti autenticati: 0
  • Visitatori: 143




Ultimo sondaggio:

Forum:


Che fare dopo la scuola

Martedì 20 aprile, presso l'aula magna del nostro Istituto, si è tenuto un importante convegno sulle opportunità lavorative post scuola per i diversamente abili. Primo convegno informativo tenutosi nel nostro Istituto per sondare quanto offra il territorio alla fine del ciclo di studi.
Al convegno, organizzato da prof. Fadda, hanno partecipato i genitori degli alunni diversamente abili, gli insegnanti di sostegno, operatori dei servizi socio assistenziali e il prof. Masala, delegato del magnifico rettore dell'Università di Cagliari.

Relatori:


Dott. Pianta, DS dell'Istituto S. Pertini: sintesi normativa;
Alla luce delle linee guida sulla disabilità, emanate all'inizio dell'anno scolastico dal Ministero della Pubblica Istruzione, la scuola deve fornire delle risposte alle famiglie dei diversamente abili. Diminuzione delle ore di sostegno, rigidità nella prosecuzione degli studi fa si che ci si preoccupi per gli alunni diversamente abili e per un eventuale orientamento al mondo del lavoro.


Dott. sse Brodu e Scanu, Assessorato ai Servizi Sociali del comune di Cagliari: il tirocinio in situazione.
La scuola e l'ente, un connubio possibile. Il titolo della relazione, mette in luce la collaborazione fra la scuola e il Comune di Cagliari, di un percorso biennale d'inserimento lavorativo al di fuori dei rigidi schemi aziendali, per fornire delle nuove opportunità di crescita con il lavoro. Nasce cosi il tirocinio formativo in situazione, prima esperienza di lavoro per un diversamente abile nella Pubblica Amministrazione. Il progetto nasce nell'anno 2000 con la collaborazione dell'Istituto Pertini con il prof. Fadda e con L'ITAS Deledda con il prof. Selis. L'interrogativo finale è stato: che cosa c'è per il diversamente abile dopo il tirocinio?


Dott. Borghi, Orienta Lavoro Comune di Cagliari: il tirocinio.
Il dott. Borghi ha illustrato le norme procedurali per l'attivazione del tirocinio. Dall'accreditamento come soggetto accogliente alla stesura del progetto, individuandone le competenze e gli obiettivi. I codici Istat e la comunicazione obbligatoria da inviare all'Agenzia Regionale per il Lavoro.


Prof. Fadda, Istituto S. Pertini: nuove prospettive del tirocinio. Scarica Allegato: Il tirocinio formativo in situazione.ppt
L'Istituto, dopo un'esperienza decennale, si pone al pari delle Agenzie Regionali per il Lavoro come istituzione promotrice dell'avviamento al lavoro. Progettare altri due anni di percorso per gli studenti diversamente abili, non più nell'ultimo ambiente di studio, ma in un altro contesto scolastico. Ecco che la scuola si apre alla scuola: cioè un alunno può, nella logica dell'orientamento al lavoro, frequentare alcune ore dell'ultimo anno di studio in un altro istituto o scuola elementare, per sperimentare sul campo quello che svilupperà nel seguente tirocinio biennale. Per fare questo bisogna costruire una rete ed è necessario avere un istituto capofila.


Dott. Granata, associazione Peter Pan: attività dell'associazione.
Il dott. Granata ha illustrato l'attività dell'associazione con i soggetti autistici. Il progetto nasce dall'esperienza delle campagne e del lavoro in ambiente protetti per recuperare e migliorare la qualità della vita di questi ragazzi. Il centro, inizialmente, si trovava in agro di Serdiana e l'attività era scandita dal lavoro giornaliero, i ritmi erano assolutamente personalizzati ma rigorosi nel rispetto del tempo e della ripetitività. Questo per fornire sicurezza e stabilità nel susseguirsi delle giornate. Prossimamente il centro sorgerà nelle campagne di Monastir e accoglierà 12-15 ragazzi autistici gravi.


Dott. Fois, ANFFAS Cagliari: attività del centro.Scarica Allegato: Anffas.ppt
Le relatrici hanno illustrato l'attività del centro. Dalla prima presa in carico, alla valutazione delle competenze per indirizzare il paziente verso l'attività laboratoriale e lavorativa più confacente. L'ANFFAS, da sempre impegnata nella rieducazione dei soggetti diversamente abili, si pone l'obiettivo di offrire alle famiglie e ai disabili una migliore qualità della vita attraverso l'attività in generale, passando per lo sport, il lavoro e il tempo libero.


Dott. Sse Ibba e Rivano, ufficio disabilità dell'Università di Cagliari: orientamento in ingresso, in itinere e avviamento al lavoro.Scarica Allegato: Presentazione Pertini 1 parte ULTIMA.ppt
500 alunni seguiti all'Università attraverso mezzi e strumenti particolari. Aiuto e assistenza durante le lezioni e gli esami, in modo da abbattere le barriere della didattica. Trasporto gratuito verso l'università. Questi sono alcuni dei servizi proposti dall'Ufficio disabilità che è impegnato da più di dieci anni per aiutare i diversamente abili a raggiungere l'obiettivo della laurea. Dopo di questa, attraverso il collocamento mirato, il laureato è agevolato nell'inserimento nel mondo del lavoro o nell'attivazione di tirocini formativi.


Dopo le relazioni si è aperto un acceso dibattito sulle opportunità lavorative. Alcuni genitori tristemente notavano che è difficile ipotizzare un inserimento lavorativo per il proprio figlio perché la Sardegna non offre, come territorio, grande opportunità di lavoro e soprattutto affermano che le istituzioni sono presenti ma non vogliono investire tempo e denaro sulla disabilità.
Il prof. Masala fa notare che il tirocinio è uno strumento di avviamento al lavoro ma di durata parziale. Il lavoro deve essere visto come strumento riabilitativo da esercitarsi nei centri preposti o come attività si sostentamento per il disabile e allora è sicuramente meglio parlare delle cooperative del nord dell'Italia che da anni svolgono attività produttiva in vari settori. Anche in Sardegna si dovrebbe seguire l'esempio delle cooperative dell'Italia settentrionale.
Al termine del dibattito il Dirigente scolastico ricorda che il convegno è stato volutamente pensato senza la parte politica perché, dagli atti dello stesso, si chiederà, in un secondo incontro ottobre, a Enti e Istituzioni di assumersi l'impegno ad agevolare l'inserimento nel lavoro dei soggetti diversamente abili intellettivi.


Locandina
Scarica la locandina della manifestazione



Approfondimento
Per chi volesse approfondire, è disponibile il video integrale del convegno.




Ringraziamenti
Un particolare ringraziamento a prof. Congeddu per le foto e il video del convegno.

Photo Gallery

Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico Dott. Pianta

Dott.sse Brodu Scanu

Dott.sse Brodu (sx) e Scanu (dx)

Dott. Borghi

Dott. Borghi

Prof. Fadda

Prof. Fadda

Dott. Granata

Dott. Granata

Dott.ssa Rivano

Dott. ssa Rivano

I relatori

I relatori

Genitore

Il genitore di un alunno